… altre 3 nuove DOCG in Veneto che sale a 14 … ora le DOCG sono diventate 68 …


… nel giro di pochi mesi il Veneto, praticamente, raddoppia le sue DOCG passando prima da 8 ad 11 (Piave Malanotte o Malanotte del Piave + Coli Euganei Fiori d’Arancio + Lison) ed ora fino a quota 14 (Colli di Conegliano + Montello Rosso o Rosso del Montello + Bagnoli Friularo o Friularo di Bagnoli) tutte rigorosamente “asteriscate” (*) nella cartina, o mappa, delle DOCG aggiornata a giugno 2011 che a breve sarà pubblicata su questo blog (come si legge nel titolo di questo articolo, sono diventate in tutto 68) … di seguito qualche specifica sulle nuove “nomination” …

dodicesimadocgveneto … con la pubblica audizione di martedì 7 maggio la provincia di Treviso avrà la nuova DOCG Colli di Conegliano con tutte le tipologie di vino che facevano parte della DOC di provenienza:

  • Bianco (manzoni bianco min 30%, pinot bianco e/o chardonnay min 30%, sauvignon e/o riesling max 10%)
  • Rosso (cabernet franc e cabernet sauvignon poi marzemino e merlot max 40% con ciascuno min 10%, incrocio manzoni 2.15 max 10%)
  • Torchiato di Fregona (prosecco o glera min 30%, verdiso min 30%, boschera  min 25%, altri max 15%)
  • Refrontolo Passito (marzemino min 95%)

… da ricordare gli ultimi due vini, entrambi passiti, il primo si ottiene dopo spremitura delle uve, appunto, a torchio ed è rarissimo perché prodotto in quantità limitatissime, chissà se sarà più facile degustarlo dopo la promozione di garanzia … l’ultimo, il cui vitigno fu fatto citare da Mozart a Don Giovanni come eccellente, cosà diventerà dopo la nomina? …

tredicesimadocgveneto … con la pubblica audizione di lunedì 16 maggio, ancora la provincia di Treviso avrà la nuova DOCG Montello Rosso o Rosso del Montello, estrapolata come “Rosso” dell’attuale DOC “Montello e Colli Asolani”:

  • Rosso: (merlot 40-60%, cabernet franc 20-30%, cabernet sauvignon 10-20%, altri max 15%)

… la giustificazione della scelta, da come si legge in qualche comunicato stampa sparso per la rete, suona quasi come un ossimoro: la nuova DOCG sa dare tipicità, caratterizzazione e qualità attraverso vitigni internazionali … mah … un bordolese a Montello come un americano a Parigi anche a buon mercato ora non solo a denominazione controllata ma anche garantita …

quattordicesimadocgveneto … con la pubblica audizione di martedì 17 maggio, la provincia di Padova avrà la nuova DOCG Bagnoli Friularo o Friularo di Bagnoli, unico vino estrapolato dalla DOC Bagnoli di Sopra o Bagnoli:

  • Friularo: (raboso piave min 90%)

… il raboso, vitigno autoctono già “premiato” con la DOCG Piave Malanotte o Malanotte del Piave rende il Friularo vino rosso interessante, strutturato e di grande personalità (a tal proposito esistono anche le tipologie classico e vendemmia tardiva) …

… qualcosa in meno però c’è … la cultivar “molinara” è stata eliminata dalle uve obbligatorie del disciplinare di produzione della DOCG Amarone della Valpolicella (Decreto 24 marzo 2010 del Ministero delle Politiche Agricole Forestali ed Alimentari) … grazie a chi mi ha dato la notizia (vedi commenti all’articolo) …

… ringrazio doverosamente e con affetto tutti coloro che si sono interessati a questo blog e soprattutto chi mi ha fornito suggerimenti ed indicazioni per mantenere il tutto in avanzato stato di aggiornamento (si vedano i commenti agli articoli precedenti) … a presto con la nuova mappa aggiornata (giugno 2011) già pronta per la pubblicazione …

Annunci

Informazioni su annitoabate

... sono un architetto ma anche un ricercatore e comunicatore del gusto ... della vita ...
Questa voce è stata pubblicata in Degustare. Contrassegna il permalink.

6 risposte a … altre 3 nuove DOCG in Veneto che sale a 14 … ora le DOCG sono diventate 68 …

  1. marco faenzi ha detto:

    Salve.

    Mi permetto di disturbarla in merito al suo “aggiornatissimo” sito web in cui tra le altre cose ci tiene costantemente informati sull’evoluzione delle docg in Italia.
    Chi le scrive è un prossimo esaminando (8 giugno e 20 giugno) al corso AIS. Per cui le sarei veramente molto grato se mi potesse togliere un dubbio. Seguo da mesi i suoi aggiornamenti e le ultime novità le conbtrassegna sempre con l’asterisco. Ma di quelle che sono state elencate negli ultimi tempi, quante sono già diventate DOCG e quante ancora sono in attesa di pubblicazione sulla gazzetta ufficiale. Per spiegarmi meglio ad oggi sono 68 compresi alcuni pareri positivi. Ma quelle ufficialmente pubblicate e quindi DOCG a tutti gli effetti quante sono?
    Mi scuso per averla disturbata, la ringrazio per il suo lavoro costante e sempre aggiornatissimo e se possibile resto in attesa di una sua risposta.
    Saluti

    Marco
    Alberoro – Arezzo

    • annitoabate ha detto:

      bella domanda … innanzitutto non mi disturbi affatto, anzi, mi permetto di darTi del TU e spero che così sarà anche per te. Voglio, poi, farti un grande “in bocca al lupo” per l’esame che avrai dopodomani, lo scritto immagino. Venendo al quesito, dicevo, bella domanda in quanto, come spesso accade, nelle procedure burocratiche, specie quelle italiane, i tempi incerti sembrano essere l’unica certezza. Ti dico che con la pubblica audizione e con il parere favorevole, di fatto, il vino è già DOCG, a meno di clamorose circostanze; la sua “proclamazione ufficiale”, quindi avverrà con il successivo decreto ministeriale e pubblicazione in gazzetta … solo questione di tempo … il disciplinare di produzione è quello proposto, modificato e rivisto lungo il cammino … se hai notato neppure il sito del Ministero è aggiornato e spesso i vari disciplinari vanno collazionati andando alla ricerca dei siti dei consorzi locali che li pubblicano … a meno di non procurarsi tutte le gazzette ufficiali … ho provato ad intraprendere questa “collezione legislativa” andando a scaricare i vari disciplinari … impresa alquanto ardua quando ci si accorge delle tante modifiche con rimandi e rincorse dei vari decreti, non solo ministeriali ma anche presidenziali di un tempo … insomma un lavoraccio che ho inteso semplificare, scusatemi, con opportuno “asterisco” che abbraccia un lasso di tempo nel quale la nomina a DOCG è dovuta con tempi che appartengono a cammini, procedure e storie diverse per ogni territorio e , quindi, suoi vini … un cammino che comincia con una prima volontà, in genere tutta locale ed in genere supportata da consorzi e/o enti che si trasforma in una richiesta al comitato ministeriale … da qui la procedura fino alla pubblica audizione, anticamera dell’approvazione che avviene con pubblicazione in gazzetta della modifica del disciplinare di produzione, in genere derivato da quello della DOC … spero di essere stato chiaro ed esaustivo, se non è stato così chiedo ad altri di integrare eventuali omissioni e/o correggere eventuali errori … le porte sono aperte per tutti coloro che vogliono collaborare a questa “folle impresa di un architetto italiano”, riprendendo le parole di un piacevole commento ad un mio articolo sul blog … grazie del commento …

  2. Valentina Taccone ha detto:

    la tua cartina è davvero preziosa. in attesa di quella aggiornata 🙂

    • annitoabate ha detto:

      … carissima Valentina, prezioso è tutto quello che si fa con passione e che diventa davvero utile anche agli altri … grazie per il tuo commento, è prezioso anche questo supporto perchè è davvero faticoso “mantenere in vita” un blog tutto da solo … e tu ne sai qualcosa …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...