Il Punto di Congelamento del Politico, riflessioni “stravaganti” di fine anno


01_temperaturaStamattina, durante la solita passeggiatina con il cane, passo davanti all’edicola, sul muro le solite locandine per attrarre il lettore/compratore, una scacchiera di notizie messe in evidenza ora attraverso il colore del carattere, ora utilizzando il pur sempre efficace grassetto; l’occhio si posa su una frase di un politico locale che minaccia ricorso avverso l’annullamento delle primarie.

Mi viene in mente la parola «puttanaio», quella che spesso utilizzava un mio amico, molto politicizzato, che ha avuto anche “esperienze” dirette sull’argomento.

Mentre il cane continuava la sua “via crucis”, alternando passi a soste “bisognose” io riflettevo sul “retrogusto” che mi aveva lasciato la lettura parietale che, per quanto fugace, aveva “ritorni aromatici” che mi hanno spinto a condividere questo scritto … con chi ha voglia di leggerlo!

Chissà perché, ho pensato: «Ma qual è il Punto di Congelamento di un Politico?».

Congelare vuol dire agire sulla temperatura, abbassandola a tal punto da passare da uno stato ad un altro; nel caso di un liquido o di un gas vuol dire raggiungere uno stato solido.

Un corpo umano contiene un’ottima percentuale di liquidi … ma anche di gas, specie in particolari condizioni.

La percentuale di acqua nel neonato raggiunge circa l’80% del peso corporeo, mentre nell’anziano si riduce al 50%., ma nel nostro caso, in media, scartiamo questi due indicatori in quanto un politico in carriera si attesta su percentuali medie di liquidi pari a circa il 60% … risulta, quindi, più che soddisfatta la quota di maggioranza!

La percentuale di gas, è intuitivo, è molto più variabile, anche nel suo concetto di “purezza”, abbracciando tutto l’arco di leggerezza che va dalla più o meno aria pura (prodotta dai polmoni) all’acido solfidrico (prodotto dai batteri intestinali); quest’ultimo è un altro indicatore significativo, in quanto rappresenta il livello di saturazione riferito alla capacità di “mangiare” di un essere vivente.  

Come ci ricorda la rubrica scientifica de “La Repubblica”, l’acqua ha uno strano punto di congelamento che dipende dalla sua “purezza”; “se è totalmente priva di impurità, l’acqua può restare allo stato liquido o a uno stato intermedio anche a temperature bassissime. Una ricerca è riuscita a stabilire il punto a cui è comunque “costretta” a congelare, chiarendo aspetti della termodinamica di questo anomalo liquido”.

In politica, si può “andare oltre”, si può stare “più a destra” o “più a sinistra” di qualcuno o di qualche cosa, si può “essere più realisti del re” … e tante altre “pinzillacchere” che ho avuto modo di sentire, specie durante la mia “fase decisionale-governativa” che non rinnego e della quale ne ho fatto tesoro.

Andare oltre il “punto di congelamento”, significa raggiungere quello di ibernazione: “condizione biologica in cui le funzioni vitali sono ridotte al minimo, il battito cardiaco ed il respiro rallentano, il metabolismo si riduce e la temperatura corporea si abbassa. È spesso utilizzato come metodo di animazione sospesa per gli esseri umani … ma solo nella fantascienza!”.

03_ibernazione

Definito anche il concetto di demagogia, ho tutti gli elementi per argomentare le mie “stravaganti” riflessioni di fine anno.

Prelevate da un qualsiasi vocabolario, ci sono due definizioni, entrambe interessanti:

1. Pratica politica mirante ad ottenere il consenso popolare, facendo mostra di condividere i malumori e le rivendicazioni, anche irragionevoli, della maggioranza e di battersi per dare ad essi una risposta positiva.

2. Regime politico basato su tale pratica di governo, tradizionalmente e generalmente considerato come la degenerazione della democrazia.

Procurati gli ingredienti fare la torta può diventare un gioco da ragazzi e, nella speranza di non rivelarmi come “demagogico pasticciere pasticcione”, condivido qualche riflessione conclusiva.

04_NODREAMS

Il politico ha imparato bene la pratica della demagogia, è ben cosciente della percentuale di liquidi del suo corpo e del grado di saturazione in gas derivato dalla sua capacità di “mangiare a quattro palmenti da tutte le parti”.

Il politico ha imparato ad ottimizzare le cose ed ha capito che poteva abbassare il suo livello di purezza (o se volete elevare quello di sporcizia”) in modo da raggiungere prima il suo punto di congelamento.

Il politico ha saputo andare oltre la scienza, è riuscito a raggiungere la fantascienza, ha superato il concetto di congelamento ed ha sfruttato quello di ibernazione, presumibilmente molto più costoso, ma tanto lui, i soldi, sa come “procurarseli”.

Il politico, in ogni sua espressione, fazione, gruppo o altro, specie se in stato di “letargo da opposizione” è stato capace di “emettere” solo qualche battito cardiaco ogni tanto: un sms nelle ricorrenze, una mano che si alza dall’interno della sua “auto blu”, ma solo se un riflesso luminoso riusciva ad invertire lo stato di oscuramento dei cristalli dei finestrini, un ghigno durante una cerimonia, un ricevimento o altra fugace occasione.

Il politico, ha capito che il suo orologio biologico sta cambiando e sta sfruttando il calore delle molecole in movimento frenetico della “ciurma di inossidabili elettori di fiducia”, dei “procuratori di voti”, di quelli che sperano che dopo saranno a bordo della scialuppa delle decisioni e dei “favori”, nella speranza di “entrare in graduatoria” per “propagare le specie”.

Il politico ha capito che il superamento del “porcellum elettorale” era un altro “porcellum allo stadio intermedio” rappresentato dalle primarie, un grande momento di “democrazia”, o ulteriore pratica della più raffinata demagogia, intesa quale opzione di significato n°2, ovvero degenerazione della democrazia.

Il politico sta “alitando” sui popoli per elevare la temperatura collettiva perché non sa quando verrà il suo momento di raggiungere ancora il “riparo”, di essere “costretto” di nuovo a congelare.

Con quanto “accumulato” c’è sempre l’ibernazione che, con il minimo dello sforzo ed il massimo dei profitti, gli consente di restare in vita!

05_dayAfterTomorrow

Informazioni su annitoabate

... sono un architetto ma anche un ricercatore e comunicatore del gusto ... della vita ...
Questa voce è stata pubblicata in Leggere & Scrivere, z . Oltre ... passare e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...